Il Bengala è un micio molto particolare, frutto dell’incrocio tra un gatto domestico e un piccolo felino selvatico detto Gatto Leopardo Asiatico. La particolarità che più colpisce è il suo manto che ricorda molto quello dei gatti selvatici. Il suo pelo può essere di due tipi, a macchie o striato: nel primo caso avrà chiazze ben definite su un colore di fondo omogeneo, nel secondo caso, sarà simile ai gatti orientali a pelo corto, ma con disegni più allungati sul fondo omogeneo.

Anche se ha un pelo così particolare, il suo manto non necessita di particolari cure: l’unica accortezza è quella di spazzolarlo solo nel periodo in cui cambia la muta. Per l’alimentazione stiamo attenti a non dargli troppo cibo, il piccolo ha una digestione un po’ delicata, per questo facciamo attenzione a dargli cibo in scatola di alta qualità e lasciamo perdere i nostri avanzi del frigo. Nonostante questi piccoli accorgimenti, il micio Bengala vive tranquillamente in appartamento e gioca volentieri con il tiragraffi e con altri piccoli giochi.

Il Bengala ha un carattere estremamente iperattivo ed è molto curioso: esce volentieri di casa anche con il guinzaglio o con la pettorina. Il suo temperamento è in genere molto differente rispetto a quello degli altri gatti, e secondo alcuni, per la loro intelligenza e la loro insolita abilità nel fare richieste sembra più di avere a che fare con un cane piuttosto che con un gatto!

È un micio avventuroso e un cacciatore attivo, impronta forte del suo lato selvatico. Quando ha tra le grinfie la sua preda non esiterà a miagolare rumorosamente. Il Bengala è un micio abbastanza impegnativo, spesso si affeziona molto alla famiglia in cui vive e per questo è sempre in cerca di numerose attenzioni da parte di chi lo circonda. Questo suo aspetto possessivo può essere una fonte di piacere per alcune persone, ma per altre può anche rappresentare uno stress, perciò valutiamo bene le nostre esigenze prima di prendere in casa questo pelosetto.