Questa simpatica razza di taglia piccola viene dal Tibet e nel suo paese è un cane molto diffuso. Il suo nome è composto dal nome della città sacra della Regione autonoma dello Xizang, in Tibet, e dalla parola “Apso” che in tibetano ha il significato di “capra”; quindi la “capra di Lhassa”. È una razza di origini molto antiche, nata con l’avvento del Buddismo intorno al V secolo a.C. e da sempre sta al fianco del Dalai Lama, come guardia del suo tempio. Nonostante sia un cane piccolo, come guardia svolge un ottimo lavoro, anche grazie al suo udito particolarmente sviluppato. Non a caso, un antico proverbio tibetano recita: “Con un Lhasa in casa ed un mastino in giardino la proprietà è sicura”.

La caratteristica principale di questa razza è il pelo: lunghissimo e pesante che ricade anche sul muso coprendo i piccoli occhi neri. Anche le orecchie e la coda sono coperte di folto pelo che ricade pesantemente verso il basso. Vista la massiccia abbondanza di pelo, il piccolo necessita di frequenti toelettature. A casa possiamo prenderci cura del pelo del piccolo con lavaggi e spazzolate frequenti. Dobbiamo tenere sempre pulite le orecchie, sottili e penzolanti, del pelosetto: una scarsa igiene potrebbe degenerare in infezioni serie. Il piccolo può anche presentare problemi come la lussazione delle rotule o problemi legati alla colonna vertebrale, allergie alle cute e agli occhi. Per questo è bene prestare molta cura all’igiene ed eseguire delle visite di routine dal veterinario.

Il pelosetto ha un carattere veramente gioviale, per questo è uno dei più richiesti cani da compagnia, allegro e vivace, ma anche molto tranquillo in casa. È un po’ diffidente con le persone che non conosce e tende facilmente a dare l’allarme con la sua voce molto acuta. Non è assolutamente un cane chiassoso, ma non conviene dormire nella stessa stanza insieme a lui…russa moltissimo!

Ama seguire il padrone ovunque e non ha problemi ad affrontare i viaggi, durante i quali resta tranquillo nel suo trasportino, purché sia abbastanza grande e arioso.