Gli animali sono essere viventi, e come tali possono provare delle emozioni. Nello specifico, davanti all’introduzione di un nuovo pelosetto oppure di un bambino, si possono verificare dei comportamenti paragonabili alla gelosia. Non è subito possibile associare dei comportamenti di Fido alla gelosia, ma davanti a particolari azioni, potremmo averne la quasi totale sicurezza. Partiamo dal presupposto che gli animali di piccola taglia siano per genetica molto possessivi verso i loro padroni, considerando un intruso ogni nuovo membro. Al contrario, i cani di taglia più grande sono genericamente più compagnoni e socievoli.  Questo non vuol dire che in presenza di un golden retriever o di un boxer, non si prevedano episodi di gelosia. Se il cane, per esempio, fosse stato troppo viziato e si considerasse come il piccolo di casa, farà molta fatica ad accettare il nuovo membro della famiglia ( che sia un bambino oppure un altro animale).

Il nostro animale non avendo il dono della parola, sarà portato a trasmetterci la sua gelosia attraverso degli atteggiamenti diversi dal solito: davanti a casi di apatia, pipì fatta fuori posto, e nervosismo generale, potremmo trovarci davanti ad un caso del genere.

In caso di un nuovo bambino, sappiamo che il tempo a disposizione diminuirà drasticamente, ma basta poco per rendere Fido sereno. Proviamo a ritagliarci minuti preziosi sul divano dove il nostro cane potrà salire in braccio oppure dormicchiare ai nostri piedi. Si sentirà più coccolato e non abbandonato.

Il consiglio principale è quello di non sfociare nei sensi di colpa. Più saremo tristi per dedicare poco tempo a lui, più Fido lo percepirà e ci chiederà anche più attenzioni. Ricordiamoci che i capobranco siamo noi, ed a prescindere dai cambiamenti all’ interno della famiglia, saremo sempre noi ad impartire le regole di una sana convivenza ed a farci rispettare.

La concorrenza affettiva non è mai un buon argomento di cui trattare, anche nei bambini la storia non cambia. Tutti gli abitanti di casa nostra devono essere trattati allo stesso modo. Questo significa che se diamo un gioco al nuovo arrivato, dovremo darlo anche al primo cane arrivato, e dopo coccole a uno, devono seguire le coccole all’altro. Vedremo in questo modo che il cane si abituerà alla nuova intrusione, dimostrandosi più socievole con tutti.