Ecco quali sono i più frequenti errori da evitare con il gatto!

Da sempre il mondo felino, tanto apparentemente delicato quanto imperscrutabile, affascina gli appassionati di animali. Fin dall’antichità il gatto è un compagno fedele dell’essere umano, riservato e silenzioso, ma anche capace di premiare le attenzioni del proprio compagno a due zampe con infinito affetto.

Non tutti però sanno che a tanto misterioso fascino corrispondono molte esigenze. Il gatto manifesta infatti i propri bisogni tramite una serie di comportamenti che, se fraintesi, possono portare il padrone a commettere molti errori, causando nel micio stress e aggressività.

A ogni gatto possono corrispondere diverse preferenze, ma ci sono alcuni consigli generali da seguire per il suo benessere.

Le interazioni con il gatto: un sottile gioco di equilibri

Uno degli errori da evitare con il gatto consiste nel pensare di avere a che fare con un peluche da stringere e coccolare ogni volta che lo desideriamo. A volte anche una carezza fatta con le migliori intenzioni può infastidire il nostro amico a quattro zampe.

L’eccesso di attenzioni è uno sbaglio molto comune nelle interazioni tra umano e felino, poiché risponde a una precisa esigenza da parte nostra di sentirci più vicini al nostro gatto. Da parte di quest’ultimo non sempre esiste lo stesso bisogno e ricevere attenzioni troppo morbose può sottoporlo a un forte stress.

Il gatto è un animale che richiede attenzioni solo quando ne sente la necessità. Conviverci significa saper interpretare il suo linguaggio corporeo, alla ricerca di indizi che svelino non solo il suo stato d’animo, ma anche ciò di cui ha bisogno.

Per un’interazione positiva con il nostro gatto non è importante solo sapere quando approcciarci a lui, ma anche in che modo. Come tutti gli animali, anche il micio ha delle zone del corpo in cui detesta essere toccato. Cerchiamo di limitare coccole e carezze al mento, alla testa e alla zona inferiore della schiena. La pancia invece è una zona delicata da non toccare, per non far sentire il gatto in pericolo.

Non è solo l’eccesso di attenzioni a rappresentare uno degli errori da evitare con il gatto: anche trascurarli significa farli soffrire. Tra gli impegni quotidiani ritagliamoci un po’ di tempo da dedicare al nostro micio, alle coccole e al gioco. Nelle giuste proporzioni queste piccole accortezze faranno in modo che il nostro micio sia felice e a proprio agio insieme a noi.

Igiene e cura del gatto: le cose da evitare

Ci potrebbe sembrare naturale voler vedere il nostro micio pulito e con le unghie curate. Il tentativo di far star bene il nostro gatto non deve però andare a discapito della sua tranquillità. Evitiamo dunque di stressarlo eccessivamente con bagnetti e manicure indesiderate.

Proprio perché il gatto non ama essere toccato indiscriminatamente è preferibile non sottoporlo a interazioni forzate. Ricordiamoci anche che il micio ama pulirsi da solo, leccandosi il pelo e le zampe con pazienza e grande precisione.

Per evitare un vero e proprio bagno in caso di sporco ostinato, la pulizia del pelo può essere eseguita con apposite salviette detergenti, da utilizzare solo quando il gatto è tranquillo e disposto a farsi toccare.

Molti padroni di gatti pensano che una buona igiene dell’animale comprenda anche la cura delle unghie, potenzialmente pericolose per i mobili della casa o per le persone.

È però buona cosa ricordare che gli artigli sono un accessorio fondamentale per il micio, soprattutto se abituato a trascorrere un po’ di tempo all’esterno. All’aria aperta il micio fa affidamento sugli artigli sia per arrampicarsi sugli alberi, sia per difendersi da eventuali pericoli.

Il taglio delle unghie è uno dei principali errori da evitare con il gatto, poiché sottopone l’animale a un forte stress, nonché al rischio di farsi male se troppo agitato.

Distogliamo piuttosto la sua voglia di affilarsi le unghie sui mobili mettendo a sua disposizione dei tiragraffi.

Errori da evitare con il gatto: i rischi di un ambiente inadatto

Il gatto è una creatura molto territoriale, per questo ha bisogno di vivere in un ambiente su misura per lui. Molte abitudini umane apparentemente innocue, possono disturbare la serena convivenza con questi magnifici animali.

In primo luogo cerchiamo di limitare il più possibile le incursioni esterne nel territorio del nostro micio. Le visite non sono sconsigliate, a patto che avvengano in modo rispettoso. Il micio si deve abituare a ogni nuova presenza e deve poter scegliere se fare conoscenza o se ritirarsi in un posto appartato.

I gatti amano gli ambienti tranquilli, perciò è bene rispettare quest’esigenza di quiete evitando i rumori forti e improvvisi e usando un tono di voce normale. Anche l’utilizzo di profumazioni intense rappresenta uno dei più comuni errori da evitare con il gatto. Evitiamo di eccedere con le fragranze ambientali e di non indossare profumi forti quando stiamo accanto al micio, poiché queste abitudini potrebbero infastidirlo.

È fondamentale che il nostro gatto abbia uno spazio tutto per sé, dove rifugiarsi in caso di timori. Dedichiamo dunque una zona defilata della casa alla sistemazione della sua cuccia e delle ciotole, dove il gatto possa riposare e mangiare con tranquillità.