L’arrivo di un nuovo membro della famiglia è un evento che dona sempre tanta gioia, ma quando è di un animale che si sta parlando è necessario qualche piccolo accorgimento, per far sì che la convivenza parta nel modo giusto. Gli istinti del cane e del gatto potrebbero infatti divergere dalle abitudini umane e rivelarsi addirittura dannosi per mobili e arredi di casa, nonché pericolosi per gli amici a quattro zampe.
Ecco dunque alcuni consigli per una casa a prova di pet!

 

1. Prestare attenzione a graffi e morsi


Graffiare e mordere sono azioni che rientrano nell’istinto naturale di gran parte degli animali. Durante la crescita il cane percepisce il bisogno di masticare qualcosa per conoscere ciò che lo circonda, alleviare il fastidio alle gengive e rafforzare i denti, mentre il gatto attribuisce agli artigli una grande importanza per la caccia e l’arrampicata sugli alberi.

È naturale che i nostri amici animali cerchino dunque di “allenare” i punti di forza, ma non è piacevole che lo facciano sui mobili e gli arredi di casa. Per impedire i danni è sufficiente armarsi di particolari accessori che sviino l’attenzione dei nostri animali su qualcosa di appropriato.

È buona norma permettere al cucciolo di interagire con snack o giochi per la masticazione, mentre appositi tiragraffi danno la possibilità al gatto di affilare gli artigli senza che ne risentano tappeti e divani. Per migliorare la vita del gatto in casa si possono acquistare anche gli alberi tiragraffi, che uniscono alla possibilità di farsi le unghie su fusto in verticale, anche quella di arrampicarsi e controllare la casa dall’alto, cosa che i gatti amano particolarmente.

 

2. Armarsi contro i bisognini


Per affrontare l’arrivo di un nuovo amichetto peloso è fondamentale anche prepararsi ai bisognini indesiderati. Una semplice toilette sarà sufficiente per educare il gatto, che tende a imparare molto velocemente a utilizzarla. È però fondamentale ricordarsi di pulirla regolarmente e di dotarla di un’apposita lettiera anti-odori. In un nuovo ambiente il cane, soprattutto se cucciolo, potrebbe sentirsi spaesato e sporcare inavvertitamente su pavimento e tappeti. In attesa che impari ad aspettare le uscite o a utilizzare delle toelette per cani, la cosa migliore è armarsi di panni assorbenti, su cui imparerà facilmente a fare i bisognini.

 

3. Creare uno spazio personale


Ogni componente di una famiglia ha il proprio spazio per giocare e dormire. Uno degli errori più comuni di chi possiede un animale è quello di non porre dei limiti.  Anche i nostri pet hanno bisogno di sapere quali sono i loro spazi per mangiare, dormire o per giocare. La soluzione migliore è fare in modo che a cani e gatti vengano assegnate apposite cucce per la nanna (collocandole in luoghi tranquilli, che non siano di passaggio e che possano essere vissuti come rifugio e relax) e che per il gioco siano delimitati spazi precisi per evitare danni involontari.

I limiti sono importanti anche durante i pasti, per educare i nostri amici animali a una convivenza meno invadente possibile. Per fare in modo che cane e gatto non si avvicinino alla cucina con lo scopo di rubare o elemosinare del cibo, è fondamentale che abbiano sempre uno spazio personale dove mangiare, dotato di ciotola per il cibo e per l’acqua.

 

4. Valutare i rischi in cucina e nel resto degli ambienti


L’importanza di stabilire dei limiti dipende anche dal fatto che non sempre gli alimenti umani sono sani per i nostri amici a quattro zampe. Una buona regola per iniziare una convivenza sicura è dunque evitare di lasciare alimenti incustoditi. In alcune situazioni il nostro cibo può rivelarsi addirittura nocivo per gli animali, come nel caso del cioccolato, tossico per i cani, o della frutta secca, troppo difficile da digerire.

Un rischio per i nuovi inquilini può essere rappresentato anche dalle piante di casa, un elemento decorativo immancabile. Alcune di esse, se ingerite inavvertitamente, possono essere addirittura velenose, come l’edera, la stella di Natale o il semplice ciclamino. È buona norma informarsi a dovere ed evitare di tenere in casa piante potenzialmente pericolose.

 

5. Eliminare le altre fonti di pericolo


Una casa a prova di animale domestico è in primo luogo una casa sicura in tutte le sue componenti, che devono essere controllate a dovere prima di dare il benvenuto al nuovo membro della famiglia. I pericoli si possono celare ovunque: gli oggetti fragili o di vetro possono rompersi e ferire i nostri nuovi amici, mentre masticare i cavi elettrici può rivelarsi molto pericoloso non solo per il cane o il gatto, ma anche per roditori come conigli e criceti. È fondamentale nascondere i cavi esposti e tutti quei materiali che potrebbero rappresentare un rischio.