Vuoi scoprire come accudire un criceto? Leggi i nostri consigli!

Molte famiglie, per esigenze di spazio o per semplice gusto personale, scelgono di accogliere in casa un criceto. Con il loro sguardo vispo e il simpatico musetto questi piccoli roditori possono regalare grandi soddisfazioni ad adulti e bambini, a patto però che si sappiano interpretare le loro esigenze e che li si gestisca con il massimo rispetto.

Non sempre è facile comprendere i loro comportamenti e i loro bisogni. Ecco dunque come accudire un criceto nel modo corretto!

Una gabbietta pulita e ben allestita


La prima cosa da fare per sapere come accudire un criceto è valutare lo spazio in cui andrà a vivere. È necessario procurarsi una buona gabbietta, le cui dimensioni possono variare a seconda della razza da noi scelta. In linea di massima è consigliato un ambiente spazioso, per garantire al nostro animaletto libertà di movimento e una vita dignitosa.

All’interno della gabbia non può mancare una lettiera, possibilmente inodore e composta da ingredienti naturali, come mais, lino o cellulosa. Per una corretta igiene della gabbia, la lettiera deve essere regolarmente cambiata. Ogni settimana ricordiamoci di rimuovere le parti più sporche, dove il criceto per abitudine fa i suoi bisogni, e di sostituire il resto della lettiera ogni tre settimane o una volta al mese.

Per la pulizia personale si sconsigliano i bagnetti, rischiosi per la salute dell’animale. Dato che i criceti si occupano autonomamente della propria igiene, possiamo agevolarli inserendo nella gabbia una ciotola contenente sabbia per cincillà, ottima per la pulizia del manto.

Per la regolare attività fisica dell’animale è poi necessaria una ruota. In commercio se ne possono trovare di molti tipi, ma per la sicurezza del nostro piccolo amico e delle sue delicate zampette è importante evitare quelle composte da grate. Per combattere la noia è inoltre possibile includere giochi e accessori.

La gabbia deve contenere anche delle ciotole per il cibo e un apposito beverino a goccia, per la somministrazione dell’acqua.

Infine va acquistata una casetta dove il criceto può riposare e rifugiarsi ogni volta che vorrà. Sarà lui stesso a costruire il giaciglio perfetto con gli elementi che gli forniremo. Possiamo includere nella gabbietta dei pezzi di carta assorbente bianca, evitando assolutamente il cotone, pericoloso per le zampette dell’animale e per l’interno delle sue guance.

Per una pulizia più agevole è preferibile optare per una casetta priva di fondo. Questo permetterà al criceto di intrattenersi in una delle sue attività preferite: scavare e nascondere il cibo.

Come accudire un criceto: consigli per una corretta alimentazione


Capire come accudire un criceto dal punto di vista alimentare non è difficile, ma è necessario prestare attenzione alle dosi consigliate e ai cibi vietati, per evitare di mettere a repentaglio la salute del nostro piccolo amico.

Tra gli alimenti consigliati ci sono in primo luogo semi, germogli, legumi secchi e vari tipi di verdure. I migliori negozi di animali mettono a disposizione degli appositi mix di qualità, ma è possibile utilizzare alimenti reperibili in casa. Prestiamo molta attenzione a ciò che diamo al roditore: non sempre quello che ci sembra sfizioso è sicuro anche per lui.

Possiamo optare per i semi e i cereali più diffusi come avena, grano, mais, riso decorticato, farro, orzo, segale, miglio e sesamo. Senza esagerare con le dosi si possono prendere in considerazione anche semi di girasole, di lino e di zucca. Sono ben accetti la quinoa, il kamut e i legumi come piselli, lenticchie e soia gialla. La moderazione è importante anche in quest’ultimo caso: sebbene i legumi siano un’eccellente fonte di ferro, proteine e vitamine, una loro eccessiva somministrazione può causare problemi intestinali.

Frutta e verdura sono ottime aggiunte, ma in dosi controllate e a temperatura ambiente. Per la frutta fresca e secca manteniamoci tra l’una e le due porzioni a settimana. Vanno bene pezzettini di mela, pera, melone e cocomero, albicocche, pesche, prugne, piccoli frutti, uva, ciliegie e agrumi come mandarini e arance, noci,fichi, pinoli, mandorle e nocciole. Per quanto riguarda le verdure, possiamo optare per insalata, carota, sedano, cetrioli, pomodori privati dei loro semi e fagiolini.

Vanno invece evitati alimenti di difficile digestione come i latticini, le cipolle e la pasta. Ricordiamoci di non somministrare inoltre dolci di nessun tipo, soprattutto il cioccolato (velenoso per molti animali), e snack salati come patatine e stuzzichini.

Per ulteriori indicazioni sulle dosi corrette o per stabilire un’alimentazione personalizzata è sempre consigliato rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

Come interagire con il nostro criceto


Per sapere come accudire un criceto nel modo giusto è molto importante tenere conto del suo comportamento e dei suoi bisogni. Questi piccoli roditori non hanno un’indole litigiosa, ma se l’ambiente in cui vivono fosse troppo stretto o si sentissero minacciati, potrebbero dare segni di aggressività e tentare di mordere. È fondamentale dunque offrire loro una gabbietta spaziosa e avvicinarli con cautela, senza disturbarli durante il sonno o le attività.

Evitiamo i movimenti bruschi, parliamo a voce bassa e se tentiamo un approccio facciamolo rispettando i tempi del nostro criceto, abituandolo prima alla nostra presenza e avvicinando la mano in modo che possa vederci bene. Associamo la nostra presenza a quella del cibo, in modo che impari ad accettarla di buon grado.

Teniamo infine la gabbietta lontana da fonti di calore (la temperatura ideale va dai 15° ai 18°) e dalle correnti d’aria. Assicuriamoci infine di far uscire regolarmente il criceto per esplorare altri ambienti, a patto che siano circoscritti e sicuri.

In caso di problemi o comportamenti allarmanti rivolgiamoci al nostro veterinario di fiducia.