L’arrivo dell’autunno si è fatto sentire anche quest’anno con il calo delle temperature e i primi sintomi dei malanni stagionali. Ciò che molti non sanno è che i primi freddi possono avere un impatto molto significativo non solo sugli umani, ma anche sui nostri amici a quattro zampe. Il cambio di stagione per cani e gatti può generare scompensi fisici ed emotivi, causando qualche acciacco. Ci sono però alcuni accorgimenti per fare in modo che i nostri coinquilini pelosi siano forti e in salute anche con la nuova stagione.

L’arrivo dell’autunno: i cambiamenti negli animali domestici


Il cambio di stagione porta con sé numerose novità, tanto negli umani quanto negli animali, a causa dell’abbassamento delle temperature e della riduzione delle ore di luminosità. Entrambi questi fattori possono influenzare le abitudini degli animali domestici, tra cui non è insolito registrare cambiamenti nel corpo e nell’umore.

Oltre ai classici malanni di stagione, che possono rivelarsi debilitanti per i nostri amici a quattro zampe, l’autunno può avere un impatto notevole anche sulle loro pellicce – tramite la muta stagionale –, sulle loro abitudini alimentari e sul loro comportamento. La stagione fredda comporta talvolta una riduzione del tempo passato all’aperto, del gioco e delle passeggiate, con un conseguente peggioramento dell’umore degli animali. È molto importante fare in modo che le loro attività di sfogo non siano del tutto sacrificate, concentrando le passeggiate nelle ore più calde e piacevoli della giornata. Anche all’interno di un ambiente chiuso, inoltre, è bene che si rispetti il momento del gioco e delle coccole.

I primi malanni di stagione


Proprio come avviene per gli esseri umani, anche il cambio di stagione per cani e gatti può causare problemi di salute, dovuti spesso agli sbalzi di temperatura. Nei limiti possibili questi malanni possono essere prevenuti prestando molta attenzione alle condizioni ambientali in cui i nostri amici a quattro zampe vivono – soprattutto nel caso dei cani abituati a stare in appartamento – e al modo in cui ci si prepara alle loro uscite quotidiane.
È buona norma mantenere un clima mite all’interno della casa, evitando però di raggiungere temperature troppo elevate, che potrebbero in realtà creare un eccessivo sbalzo termico da ambiente interno ad ambiente esterno.

Sono soprattutto i cani di piccole dimensioni e a pelo corto a percepire di più i primi freddi, come anche tutte le razze che sono prive di sottopelo e hanno poca massa muscolare (come i Levrieri). Per questo motivo dotarli di un apposito cappotto per cani non è un banale vezzo estetico, ma un ottimo modo per proteggerli dalle temperature rigide dell’autunno e dell’inverno.
In caso di bagnetto è inoltre molto importante avere l’accortezza di asciugare bene le zampe e il pelo dell’animale, in modo che il suo fisico non risenta dell’aria fredda.

Tutti questi piccoli accorgimenti possono fare la differenza, ma non sempre riescono a evitare gli acciacchi della stagione fredda. In caso di problemi – raffreddore, mal di gola o disturbi intestinali – è consigliato evitare i rimedi fai da te e consultare il proprio veterinario di fiducia per una terapia mirata.

Cambio di stagione per cani e gatti: appetito e cura del pelo


Il cambio di stagione negli animali domestici si può manifestare anche in una variazione dell’appetito o dell’aspetto del pelo. L’alimentazione di cane e gatto varia a seconda della razza, della costituzione e delle abitudini dell’animale, ma indicativamente l’arrivo dell’autunno scatena molti cambiamenti che a livello istintivo i nostri amici a quattro zampe riescono a percepire. Soprattutto negli animali più attivi l’arrivo della stagione fredda comporta un aumento dell’appetito e la necessità di un apporto calorico e proteico maggiore, mentre nel caso dei gatti – più inattivi durante l’inverno – e dei cani sedentari, la dieta va tenuta sotto controllo per evitare che essi ingrassino.  Anche in questo caso è importante consultare il veterinario per capire esattamente come muoversi anche a livello nutrizionale. Dopo aver capito come muoversi sarà possibile decidere di acquistare alimenti light o più ricchi, oppure specifici integratori per cane o gatto.

Il cambio di stagione per cani e gatti si fa sentire anche sulle loro pellicce. A causa di un cambiamento nelle ore di luce e di buio in alcuni di loro – a seconda delle loro abitudini – si può notare il ricambio del pelo, che permette l’infoltimento del manto. In linea generale è consigliato spazzolare frequentemente i nostri amici a quattro zampe, non solo per evitare un’eccessiva perdita di pelo in giardino o in casa, ma anche per agevolare la muta.
Soprattutto nel gatto l’eccesso di pelo può portare a disturbi gastro-intestinali, per via della sua abitudine di ingerirlo.
Per una pelliccia più sana e forte, è possibile acquistare spazzole capaci di rimuovere il pelo in eccesso o appositi tipi di shampoo per cani e gatti.